Get a site

Ouarzazate: la Hollywood africana

                         Ouarzazate: la Hollywood africana

 

Ouarzazate: la hollywood africana

E’ una cittadina del Marocco, relativamente moderna, sorta negli anni venti per opera dei francesi, come centro militare ed amministrativo.

È situata nella valle del Dadès, all’incrocio della valle del Draa (nella zona centrale del Marocco), a ridosso del deserto sabbioso del Sahara ed è raggiungibile da Marrakech attraverso il passo di Tizi n Tishka

 

 

 

 

 

Nelle immediate vicinanze della suggestiva cittadina vi sono numerosi studi cinematografici (Atlas Film Corporation Studio), dove vennero (e vengono tuttora) girati svariati film ambientati nel deserto, tra i quali celebri produzioni epiche hollywoodiane del passato come Lawrence d’Arabia e Il tè nel deserto oppure Kundun di Martin Scorsese.Ouarzazate

 

Nel 1975 Ouarzazate fu la sede delle riprese del film L’uomo che volle farsi re con Sean Connery e Michael Caine e nel 1997 fu sede delle riprese delle fiction Salomone e Davide, di Asterix e Obelix, La perla del Nilo, I dieci comandamenti.Ouarzazate: la hollywood africana

 

Verso la periferia di Ouarzazate, in direzione di Tinerhir, si trova un interessante complesso: la qasba Taourirt, abitata sino a poco dopo gli anni trenta, oggi un interessante complesso turistico visitabile. Alle spalle del monumentale edificio si apre un piccolo villaggio tuttora abitato, interno alla casbah. La Casbah è stata utilizzata, nel 2006, per la terza edizione del reality show italiano La fattoria. Nel 2006 è stato girato il film Le colline hanno gli occhi e nel 2007 il sequel Le colline hanno gli occhi 2.

Ouarzazate: studi cinematografici

Qui vennero girate molte delle suggestive scene africane del film La straniera (2009) di Marco Turco, ambientato nella Torino multietnica del 2004: una coppia di marocchini – lui già perfettamente integrato e con una posizione di successo sociale, lei immigrata clandestina e ridotta alla prostituzione – vive un tormentato incontro nella città piemontese.

La città viene citata nel libro La maledizione del diamante fiorentino di Rolf Ackermann.

ait_ben_haddoo

Apprfittando l’ esistenza di questi studi cinematografici e il paesaggio spettacolare, Ouarzazate e’ la protagonista di diversi eventi relazionati con il mondo del cinema e con altre manifestazioni culturali.

Ouarzazate e’ anche conosciuta come “la porta del deserto”, perche’ separa Marrakech dal deserto del Sahara

Il nome Ouarzazate significa in arabo “senza rumore”

www.maroccotrips.com